I dolci natalizi napoletani sono una golosità: qui gli struffoli.

I Dolci Natalizi Napoletani

Struffoli, mostaccioli e roccocò: scopriamo insieme i più amati dolci natalizi napoletani. Con origini antiche e realizzati dalle suore di molti ordini monastici, sono diventati patrimonio di tutta la città partenopea, luogo della gioia dove il Natale viene festeggiato in tutto il suo splendore. Scoprili ed acquistali on line!

Origini storiche dei dolci natalizi napoletani

Le regine della pasticceria natalizia napoletana erano le monache. Si, proprio loro, le suore di vari ordini monastici disseminati per tutta la città di Napoli, in particolare nel vastissimo centro storico. Si portavano dietro un profumo dolce e avvolgente che le fecero tramutare ben presto nelle religiose più amate d’Italia.

Per realizzare tali meraviglie le badesse presero spunto dalle omologhe sacerdotesse pagane che realizzavano dolci per celebrare le feste dedicate alle divinità.

Inizialmente queste delizie nacquero per conquistare la gole degli aristocratici. Molte di loro provenivano da famiglie nobili e i dolci diventavano un passepartout per ottenere favori, ingraziarsi politici ed erano un patrimonio a tutti gli effetti. Più tardi, quando iniziarono la vendita all’esterno, divennero proprietà di tutti.

Le badesse provenivano da ogni luogo del Regno delle due Sicilie, perciò troviamo una commistione tra pasticceria Siciliana e Napoletana con il ripresentarsi di alcuni ingredienti come mandorle, “cucuzzata” (zucca candita), glassa di zucchero, naspro di cioccolato fuso, miele e confetti di zucchero: un’esplosione di dolcezza e un’espressione di abbondanza.

Un altro ingrediente che troveremo spesso nei dolci natalizi partenopei è il “pisto”, un mix di spezie che comprende cannella, chiodi di garofano, pepe, noce moscata, anice stellato e semi di coriandolo. Alcuni aggiungono o tolgono ingredienti a seconda dei gusti di clienti e familiari.

 

I dolci natalizi napoletani più amati

 
Gli Struffoli

I più conosciuti tra i dolci natalizi sono sicuramente gli struffoli.

Re indiscussi di tutte le feste sono palline di pasta fritta in olio (in origine era lo strutto) ricoperti da una generosa quantità di miele, “cucuzzata” e confettini di zucchero colorati soprannominati “diavulilli” adagiati su un cestino di cialda semplice o al cacao.

Gli struffoli sono un dolce povero e le loro origini sono probabilmente spagnole o greche in onore degli intensi rapporti e legami imbastiti con tali popolazioni. Si diffonderà come dolce di Carnevale nel centro Italia seppur con nomi e forme differenti.

A Napoli venivano preparati nei conventi e nella loro connotazione natalizia erano associati a Gesù Bambino, definito come “roccia che dà miele”.

 

I Mostaccioli

I mostaccioli napoletani sono dei deliziosi biscotti speziati a forma di rombo e ricoperti di glassa al cioccolato. Possono essere duri o morbidi.

Si preparano con un impasto di farina, zucchero, acqua, cacao amaro, lievito per dolci e “pisto”, un mix di spezie che comprende cannella, chiodi di garofano, pepe, noce moscata, anice stellato e semi di coriandolo, il tutto ricoperto da una glassa di cioccolato. Possono venir farciti con una crema di nocciola bianca e ricoperti da nocciole tritate.

Pare che nella ricetta più antica venisse utilizzato il mosto da parte delle famiglie contadine. La ricchezza dei suoi ingredienti, li assocerebbe però ad una tradizione aristocratica e di corte legata al cuoco Bartolomeo Sappi che li cita ripetutamente nel suo Cuoco secreto di Papa Pio quinto (XVI secolo) distinguendoli dai mostaccioli romani e milanesi.

 

I Roccocò

Sono dolci a pasta dura, anzi durissima preparati con farina, acqua, zucchero, bicarbonato di ammonio, mandorle tostate o nocciole, uovo, e pisto.

La loro origine risale al 1320 grazie alle suore del Real Convento della Maddalena. Il nome deriva dal francese “rocaille”, elemento decorativo a forma di conchiglia o roccia, da cui, nel Settecento, prenderà il nome anche il termine “rococò”.

La loro consistenza è dura tanto da venir solitamente bagnati nel vermouth, nel marsala o nello spumante.

 

Dolci natalizi napoletani: dove comprarli on line

Con origini antiche e particolari, arricchiti da una curiosa commistione di sacro e profano, i dolci natalizi napoletani ci hanno proprio conquistati!

Possono diventare dei dessert sorprendenti durante i pranzi e le cene del periodo natalizio per stupire parenti e amici e accostarli ai classici panettoni e pandori.

Non sai dove acquistarli? Vorresti farlo on line? Con Casa Sapori tutto questo è possibile! Ecco i nostri deliziosi dolci natalizi napoletani, provali tutti e lascia senza fiato e con un piacevole aroma di dolcezza i tuoi amici e parenti!

Struffoli Napoletani

Gli Struffoli sono delle palline preparate a mano e cotte in olio, immersi nel miele e cosparsi di confettini colorati. Infine vengono adagiati in una cialda semplice oppure al cacao.

Confezione regalo contenente 6 cestini misti di struffoli napoletani.

mostaccioli-dolci-natale-napoletani-online

Mostaccioli Napoletani farciti con nocciola bianca

I mostaccioli Napoletani sono dei biscotti speziati a forma di rombo ricoperti di glassa al cioccolato.

I Mostaccioli sono farciti con una crema alla nocciola bianca e glassata con uno strato di cioccolato e cosparso di nocciole tritate.

roccocò-dolci-napoletani-natale

Roccocò Napoletano

Il Roccoco’ è un tipico dolce Natalizio.

Le origini risalgono al 1320 e furono preparai per la prima volta dalle monache di Napoli.

cantucci-cacao-mandorla-dolci-natale-napoletani

Cantucci cacao e mandorla

Prodotto artigianale.

Ogni prodotto prende forma dalla dedizione e dalla sapienza di mani esperte.

Torna su