Come-vendere-olio-online

Come vendere olio online

Stai cercando come vendere olio extravergine di oliva?

Vendere oggi olio online è possibile e può essere un canale di vendita rilevante per la tua attività. Ma da dove si può iniziare? Affrontiamo un passo alla volta.

Introduzione

Vendere olio extra vergine significa raccontare un’esperienza. Significa trasmettere le emozioni che provengono dai luoghi dove viene prodotto l’olio, attraverso la storia e le tradizioni più profonde.

A chi si può vendere olio online oggi? Quando parliamo di “online” si pensa soprattutto ai consumatori finali, in realtà l’opportunità più rilevante è la vendita online ad altre partite iva: distributori, ristoranti, etc. 

L’opportunità è grande, ma bisogna saper fare le scelte corrette.

 

Vendere olio d’oliva online: gli aspetti da considerare

Occorrono Partita IVA e autorizzazione del comune della sede dell’azienda agricola.

Per poter produrre e vendere olio d’oliva è necessario essere possessori di una partita IVA come azienda agricola. Inoltre, la normativa agevola chi deve partire con la produzione, Infatti, fino a che le vendite non superano i settemila euro è possibile usufruire del regime di esonero che consente di pagare solamente le tasse sul reddito agrario e dominicale.

Con questo tipo di regime aziendale, non siamo obbligati a tenere registri contabili e ad emettere fatture. Sarà sufficiente pertanto una ricevuta fiscale nella vendita diretta oppure l’autofattura se decidiamo di vendere ad un commerciante. Tuttavia è necessario comunque fare domanda per ottenere un’autorizzazione rilasciata dal sindaco del comune in cui risiede la nostra azienda. Questo certificato deve successivamente essere consegnato personalmente al comune oppure inviato mediante raccomandata con ricevuta di ritorno.

 

 

 
Vendita al minuto e vendita a ristoranti, negozi e Partite IVA

Non appena avremo presentato la nostra domanda al comune, quest’ultimo ha quindici giorni di tempo per poterci rispondere. Trascorso questo periodo, se non otterremo alcuna risposta, potremo iniziare la vendita al minuto dei prodotti agricoli realizzati sul nostro fondo anche se sottoposti a lavorazione e manipolazione.

Il Regolamento CE n. 1019/02 prevede che, in caso di vendita al consumatore finale, l’olio deve essere posto in contenitori di capacità nominale massima fino a 5 litri, con sistema di chiusura che perde la sua integrità dopo la prima utilizzazione.

Nel caso di vendita di oli destinati al consumo in ristoranti, ospedali, mense o altre collettività simili si prevede la deroga della capacità massima fino a 25 litri. (DM 14/11/2003)

 
Come gestire scontrini o fatture in caso di regime di esonero IVA?

Ricordatevi che se avete scelto il Regime di esonero non avete la possibilità di emettere scontrini o fatture. Pertanto , per vendere online, la scelta migliore potrebbe essere affidarvi a piattaforme online specializzate nella vendita di prodotti tipici, come Casa Sapori per esempio, che emetteranno i corrispettivi o le fatture per conto vostro. In questo modo non dovrete aumentare la complessità del vostro lavoro e potete concentrarvi a gestire solo gli ordini e le spedizioni.

 
Etichette e codici EAN

Se volete iniziare a vendere olio extra vergine dovrete realizzare le vostre etichette e indicare tutte le informazioni previste dalla normativa. Per sapere quali sono le informazioni obbligatori da indicare in normativa leggi il nostro articolo “Etichetta Alimentare: come si fa e come deve essere letta. Consigli pratici“.

Per creare un’etichetta dovrete affidarvi probabilmente ad un grafico. Con Casa Sapori, potrai avere le tue etichette personalizzate in pochi giorni e a cifre davvero vantaggiose. Abbiamo realizzato più di 500 etichette per produttori di eccellenze made-in-Italy.

All’interno dell’etichetta dovrà essere anche indicato il codice EAN, che rappresenta un codice univoco della vostra azienda e dei vostri prodotti. I codici EAN possono essere acquistati ad una cifra non considerevole sul sito di GS1 Italy. GS1 Italy è l’unico ente autorizzato a rilasciare codici a barre GS1 (EAN) in Italia.

 
Come vendere olio all’estero?

Innanzitutto, è importante conoscere quali sono i principali paesi che acquistano olio d’oliva italiano. Secondo il rapporto ISMEA pubblicato ad aprile 2020, i maggiori acquirenti di olio italiano sono:

USA – 94 mila tonnellate
Germania – 41 mila tonnellate
Giappone – 22 mila tonnellate
Francia – 26 mila tonnellate
Canada – 17 mila tonnellate
Regno unito – 14 mila tonnellate
Svizzera – 7 mila tonnellate
Russia – 7 mila tonnellate
Cina – 6 mila tonnellate

Ogni Paese ha le sue peculiarità e le sue normative. In generale, il regolamento prevede quanto segue:

Verso Paesi comunitari
Premesso che negli scambi all’interno della Comunità non si tratta di esportazione, ma di normale commercializzazione, in ambito UE si applicano le disposizioni relative alle denominazioni e alle definizioni previste nell’allegato I del regolamento CEn. 865/04, del Reg. (CE) n. 1019/02 e, ove compatibili con il paese di destinazione, del D. lgs. 109/92.

Verso Paesi Terzi
Per la commercializzazione dei prodotti verso i Paesi Terzi si applicano le denominazioni e le definizioni previste nell’allegato I del regolamento CE n. 865/04 nella misura in cui sono compatibili con le norme obbligatorie internazionali e nel rispetto delle disposizioni vigenti nel Paese di destinazione del prodotto.

 

 

 

 

Ma come fare a vendere il proprio olio online?

Di seguito si pongono alcuni consigli:

Definire l’obiettivo: prima di affrontare qualunque investimento, dovresti chiarire l’obiettivo che vorresti raggiungere con la vendita online. In realtà, devono essere definiti diversi obiettivi

  • Perché volete vendere online? La prima domanda a cui rispondere, può essere scontata, ma vi aiuta a ragionare sul perché state facendo questa scelta. Sappiate che la risposta “per vendere di più” non ha senso e probabilmente state partendo già con il piede sbagliato.
  • Risultati economici attesi: quante vendite vorreste fare dalla vendita online di olio in 3 anni? Quanto siete disposti ad investire al massimo? E’ importante definire il budget di spesa in modo tale da definire un obiettivo di vendita coerente.
  • Target dei clienti: a chi volete vendere online? Clienti finali? Forse meglio puntare sulla clientela business (con partita iva per intenderci). In Italia o anche all’estero?
  • Strumento per la vendita: come avete in mente di creare il vostro e-commerce? Quanto siete disposti a spendere?
  • Organizzazione: vendere online richiede risorse e tempo. Avete pensato di assumere una persona e creare un team per gestire questo canale?
  • Le spedizioni: come vi siete organizzati con le spedizioni? A quali corrieri vi appoggiate e avete scelto il servizio che meglio soddisfa le vostre esigenze, o avete guardato solo al prezzo? La scelta del corriere è fondamentale nella vendita online, per saperne di più leggi il nostro articolo “Come spedire alimenti in Italia e all’estero”.
  • Contenuti: lo sapevate che avere foto e video di qualità aumenta del 50% le possibilità di vendita online? Dovrete affidarvi a dei professionisti anche in questo: fotografo e grafico sono il minimo indispensabile. Come comunicherete gli elementi che rendono unici i vostri prodotti? Quali sono? Se non vengono comunicati bene, c’è il rischio di far passare inosservato il vostro olio artigianale in mezzo agli altri migliaia di oli presenti sul mercato.
  • Traffico online: una volta realizzato il sito, come pensate di portare visitatori e potenziali acquirenti sul vostro sito? Pubblicità online? Promozioni? Email marketing? Blog? Inbound sales?
  • Social media: Instagram? Facebook? Google? Che attività pensate di fare sui social media, come pensate di attirare nuovi “follower” interessati al vostro prodotto?

Se le risposte che vi darete sono chiare e vi soddisfano, confrontatevi con qualche esperto di siti online, anche un vostro amico o conoscente, qualcuno di cui vi fidate insomma. Se anche confrontandovi con chi fa di lavoro vendita online, avrete confermato le vostre scelte non vi resta che partire.

Casa Sapori aiuta i produttori di olio a creare la propria vetrina online in meno di 2 ore. Visita la pagina “Servizi per i produttori”, crea la tua vetrina e carica i tuoi prodotti, al resto ci pensiamo noi. Non dovrai occuparti di altro. Potrai raggiungere oltre 500 imprenditori che hanno ristoranti, negozi o attività di distribuzione locale che acquistano regolarmente olio su Casa Sapori. 

Cosa Aspetti?

Torna su